Premio a Moe Watanabe per un progetto "made in Italy"


Moe Watanabe è una giovane giapponese che ho conosciuto a Tokyo alla conferenza sugli Alberghi Diffusi dello scorso mese di novembre.  Il tema dell’albergo diffuso l’ha interessata e in questi mesi ha elaborato un progetto di Albergo Diffuso per un villaggio rurale: Kamiyamaguchi, non lontano da Hayama, prefettura di Kanagawa.
Il progetto ha vinto il primo premio presso l’Università di Kogakuin.



Tutto questo è doppiamente interessante perché conferma l’interesse dei giapponesi verso modelli di turismo sostenibile che promuovono l’autenticità.

Nel progetto di Moe c’è anche l’idea del turismo slow, e più in generale dello stile di vita italiano, altro tema che interessa sempre di più in Giappone.


I disegni sono di Moe Watanabe, che ha studiato architettura anche a Venezia, e che ha un sogno: quello di realizzare un albergo diffuso a Kamiyamaguchi!

Commenti

Post popolari in questo blog

La rinascita di un borgo giapponese passa dall'albergo diffuso

I Giapponesi? Gentili, ossequiosi e ospitali