Kumamon, chi era costui?



Difficile andare in Giappone senza imbattersi in Kumamon.
Kumamon, è una mascotte a forma di orso, creata nel 2010 per valorizzare turisticamente la prefettura di Kumamoto. Degli oltre duemila “yuru-kyara” - così i giapponesi chiamano i personaggi attorno ai quali vengono costruite strategie di comunicazione - è decisamente quello più conosciuto, che ha avuto più successo, e ha generato un indotto economico strepitoso: oltre 1 miliardo di euro solo nel 2016.
Dagli anni 2000 sono proprio loro, le mascotte, i testimonial privilegiati nella comunicazione di territori, destinazioni turistiche, partiti, ferrovie, catene alberghiere… e anche Ambasciate! e attorno a loro è cresciuto un business fatto non solo di merchandising sfrenato, ma anche di attività di comunicazione sui social (Kumamon ha quasi 700 mila follower su twitter), in tv e sui media online. Peluche, adesivi, magliette, gadget spesso venduti anche all’estero, eventi, community..., sono solo la parte visibile di un fenomeno del Giappone moderno, che affonda però le radici nella cultura millenaria di quel paese.
GD



Commenti

Post popolari in questo blog

Edoardo Chiossone dalla Liguria al Giappone

Turismo giapponese: si profila un nuovo Scenario